Blog Cucina Tipica Dolci

Merenda per due

Solo una certezza:  non siamo solo genetica.
I geni arrivano fino ad un certo punto.
E poi? Poi ti differenzi da quelli che hanno in comune con te un certo patrimonio genetico.
E fortunatamente mi sono differenziata parecchio.

Parliamo però di quello che abbiamo in comune. Una tradizione.
In questa ricetta ho fuso, sommariamente, tutto ciò che ci lega.

_50A1163_640x427

Fichi secchi.
Il mattino presto, il caldo non ancora soffocante, la raccolta dei fichi dall’albero, colazione con fichi e pane e marmellata. E gli avanzi di quei frutti magnifici venivano poi spaccati a metà e messi ad essiccare su graticci costruiti appositamente, esposti a sud, in pieno sole. Coprivamo poi tutto con zanzariere e ci dimenticavamo di tutto fino a sera, quando bisognava ritirarli in cassette di legno, per non lasciarli nell’umidità notturna. E il mattino seguente si uscivano di nuovo. Un paio di giorni e tutto era bello secco e quasi caramellato. Si raccoglieva tutto e nel fresco del portico li si infilzava su stecchi creati da canne secche. Stecchi a due o a tre file di fichi. E già si pensava e si fantasticava al periodo invernale, quando, dopo cena, avremmo mangiato fichi ripieni di mandorle e coperti di cioccolato. Oppure al ripieno dei dolci pasquali.
Mi ricordo che li essiccavamo perché ne avevamo la nausea. Ne mangiavamo troppi. E invece adesso non so cosa darei per distruggermi di fichi tutta l’estate. Non ne lascerei nemmeno uno.

Limoni.
Siamo sempre stati una famiglia sfigata. Ma sfigata vera eh. Né bellezza, né intelligenza, né salute. E fra tutte le piante che potevamo avere mancava giusto il limone. L’agrume per eccellenza. Eravamo riusciti a farne crescere uno. Piccolo e sfigato (sarà stato partorito da noi, oppure è un ibrido con i nostri geni). I limoni erano piccoli e rinsecchiti. Mai mangiato un limone di quella pianta. Quindi ce li regalavano. O meglio: se li vuoi li puoi raccogliere dall’albero: perfetto, tanto ho 10 anni, ho l’altezza giusta per raccogliere gli agrumi da un albero. Per fortuna sono sempre stata alta, quindi i limoni me li prendevo lo stesso.

Mandorle.
Ricordo di un anno in cui ho passato l’estate a mangiare mandorle. Ogni due giorni mi portavano una bacinella (di quelle ovali e blu, una di quelle dove facevo il bagnetto da piccina) colma di mandorle. Traboccante di mandorle. E così passavo i pomeriggi a schiacciare con i sassi tutte quelle mandorle. Erano profumatissime e bellissime e buonissime. Erano mandorle fresche. E ci voleva molto tempo per togliere tutte le parti del frutto fino ad arrivare alla mandorla interna. Ancora con la pellicina giallina.

Sambuco.
Come ho già avuto modo di raccontare qui, il sambuco è una di quelle certezze. Mentre raccoglievo questi fiori, ho incontrato una coppia che stava andando nell’orto a far lavori. Mi hanno vista e mi hanno chiesto cosa raccogliessi. E ho scoperto che anche loro mettono i fiori nel pane. Ma d’altronde l’avevo intuito dall’accento.

Ho ammollato fichi secchi e mandorle per una notte in due ciotole separate. Per 100g di mandorle ho usato 3-4 fichi secchi, dipende dalla grandezza.
Ho macinato nel macinacaffè un cucchiaino raso di semi di lino fino a ridurli in farina, li ho messi poi in un mixer con metà delle mandorle ammollate, un goccino d’acqua, fiori di sambuco a gusto e fichi secchi quanto basta per creare una pasta modellabile.

_50A1175_640x427

_50A1196_320x480

Ho formato delle palline, le ho appiattite e le ho fatte asciugare qualche ora al sole.

_50A1253_320x480

Intanto ho pelato le restanti mandorle e le ho frullate con succo di limone allungato con un po’ d’acqua (direi 2 cucchiaini + 2 cucchiaini, ma aggiungete poco a poco) fino ad avere una consistenza molto densa.

_50A1247_640x427

Ho farcito poi i biscotti con la panna di mandorle e ho decorato con fiori di sambuco e scorza di limone.

_50A1409_640x360

_50A1411_320x480

_50A1419_320x480

L’acidità del limone della crema smorza la dolcezza dei fichi secchi. Il profumo dolce del sambuco si accosta benissimo al resto e dona un aroma unico.
Noi abbiamo fatto dei biscottoni un po’ grandini, ma anche in versione piccina sono adorabili. Buoni e belli.

Ringrazio infinitamente Simona per le foto, è stata superpaziente (ma ci mancherebbe, proprio lei deve capire il processo creativo) e mentre io pacioccavo negli antri bui della cucina, lei creava quello che vedete in foto. Quindi un grazie enorme allo staff ZonzoWeb da parte del suo spin off GermogliDiSoia 🙂

Related Posts

6 Comments

  • Reply
    Daria
    30 maggio 2015 at 21:26

    Deliziose! le voglio provare queste “fette non-biscottate”… elegantissime tra l’altro con quei fiorellini!

    • Reply
      Cristina
      31 maggio 2015 at 8:12

      eheh, il tocco elegante chiaramente non è il mio, però sono buonissimi!! lasciati riposare farciti per un paio d’ore in frigorifero si profumano ancora di più!!

  • Reply
    Ale
    3 luglio 2015 at 18:22

    Sono bellissimi questi biscotti, meravigliosi, con la cremina al limone … e poi con i fiorellini di sambuco, che splendida idea hai avuto! 🙂

    • Reply
      Cristina
      4 luglio 2015 at 9:53

      grazie mille cara!!sono profumatissimi e buonissimi!!
      prossimo anno provo a fare anche delle tortine, peccato che i fiori durino così poco 🙁

  • Reply
    Anna&Ipa&Silo
    3 settembre 2015 at 19:25

    Cara.Meraviglioso tutto.I racconti, che sento tanto miei – ma con tanta nebbia in meno 😀 Verrebbe subito da chiederti: ma insomma, non facciamo questo ecovillaggio subito :-D?
    La ricetta. Le foto. Taaaaaaaaaaaaaanta roba!

    • Reply
      Cristina
      5 settembre 2015 at 18:34

      carissima!!(scusami, wp non mi aveva dato notifica tra le mail). insomma sì, dobbiamo mettere su un bel progetto insieme. io ce la sto mettendo tutta per terminare il mio percorso che mi radica qui. poi ci vedremo. dove non lo sappiamo, quando non lo sappiamo, ma ci vedremo <3 io intanto annoto tutte le idee che mi vengono in mente 🙂
      ah e le foto ovviamente non sono mie, per quello sono così belle 😀
      ti abbraccio <3

    Leave a Reply