Cucina Gite

Pubblicità Progresso

A volte i film cominciano con una scena ricca di suspance (che ne so, un quasi omicidio) e poco prima del fatto principale si fa tutto buio e compare la scritta “qualche giorno prima” oppure “qualche ora prima”.
Così farò io.

Sabato 19 cucinerò in un circolo arci.

Qualche mese fa….. 

La mia amica Silvia mi dice “mi hanno pubblicato il libro e voglio pubblicizzarlo con una cena, tu cucineresti?”
Silvia ha scritto il libro fantasy La maledizione della fiamma (basta cercarlo su google, comunque qui un linke ha proposto a me e al circo arci Oltrepo una cena con spettacolo teatrale per sponsorizzare il libro. E così abbiamo accettato tutti.

Tra telefonate, email, il natale, il capodanno, altre cose, cose personali, siamo arrivati ad una settimana dall’evento (qui il link su facebook).
Abbiamo pronto (quasi) tutto, bisogna solo cucinare.

E che ci sarà da mangiare?

Antipasto: Polpettole
Piatto forte della cucina nanica, la polpettola esiste in infinite varianti, tra cui la famigerata polpettola pallottola sconsigliata agli uomini per via della gran quantità di olio di roccia impiegato nella cottura. Versioni più leggere sono commestibili ad umani e altre razze, purché mangiate in quantità limitata. Servita sullo stecco, la buon’educazione nanica prevede che venga mangiata in un sol boccone.

Primo piatto a scelta tra:

Zuppa dello stanco viaggiator
Classica zuppa di farro e lenticchie, la si può trovare in ogni taverna e bettola che si rispetti lungo la faticosa strada che porta dalle pianure di Varden alla Lurrida. Così calda, così buona, così riscaldante, così nutriente che lo stanco viaggiatore è solito mangiarsi anche il piatto, che comunque, essendo fatto di pane, è commestibile.

Riso elfico
Trattasi di uno speciale riso dal caratteristico colore rosa, coltivato con metodo segreto dagli elfi delle pianure. Si dice arrechi serenità e buoni pensieri a chiunque lo mangi. Normalmente servito su foglia, si mangia rigorosamente con le mani accompagnato alla tradizionale Salsa Limonella o a quella di mela acerba.
(non sembra qualcosa di già visto?! 🙂 )

Secondo: Tortino divinatorio
Nato come alimento riservato agli stregoni e ai maghi, il tortino divinatorio si è poi diffuso nella dieta della gente comune variandone l’ingrediente principale, il fungo,
che nella versione riservata ai veggenti è allucinogeno.

Contorno: Broccolo ciucco
Il broccolo annegato e cotto nel vino rosso fu introdotto dagli halfling nell’anno del corvo ed è ora un piatto diffuso in tutte le terre.

Dolce: Torta di Fiamma
La torta di Fiamma nella sua versione originale è un dolce rieservato al solo reggente delle terre perché contiene la rarissima e deliziosa ambra di drago, liquido alcolico ed altamente infiammabile prodotto dalla ghiandola dell’ambra dei draghi. Versioni accessibili alla gente comune sono fatte con superalcolici come rum, spirito elfico o whisky di drago.
(anche questa è qualcosa di già visto 🙂 )

Dai, il menù è figo 🙂 anche se io di fantasy non so una mazza.
Se qualcuno di Torino ha voglia di venire a gustare una fantastica cena e un fantastico spettacolo alla modica cifra di 12€ può contattare il circolo arci Oltrepo (chiamando il numero 3347926392 dalle ore 17 alle 24; ovviamente l’ingresso è consentito a chi c’ha la tessera) che gentilmente mi ha prestato la cucina anche se solitamente non fanno cene veg, grazie per la superfiducia! 🙂

Ultima nota: si viene vestiti a tema 🙂

Fine del film e fine della pubblicità progresso 🙂

Related Posts

No Comments

Leave a Reply