Considerazioni Cucina Dolci

Chupito al cioccolato per dire NO al circo

Qualche giorno fa cercavo un modo per far fuori le tre pere che si stavano mummificando nel cesto della frutta.
E mi sono imbattuta in questa torta di Samantha. L’esaltazione è durata poco, perché non avevo in casa né latte né yogurt. Però avevo proprio dei fondi di farina di riso e fioretto, quindi la ricetta comunque era perfetta.
Ho mescolato 150g di farina di riso con 120g di fioretto (il mio fioretto era a grana un po’ grossina), 3og di fecola di patate e 3/4 di bustina di lievito per dolci (circa 10g). Ho pelato le pere e le ho frullate con del succo di mela fino ad avere un frullato liquidino.
Ho aggiunto alle farine circa 40-50g di olio di semi di mais e il frullato e ho aggiustato la consistenza con il succo di mela. L’impasto era abbastanza ammappato, nessuna delle farine ha glutine, ma comunque morbido.
Ho versato in una tortiera quadrata e ho infornato a 180°C fino a cottura. La superficie deve diventare doratina e poi ho fatto la classica prova stecchino.
E’ una torta che non ha zucchero ed è molto compatta ma comunque è piacevole e morbida. Io pensavo di mangiarla al mattino puciata nel tè.
Devo essere sincera, pensavo venisse uno schifo. Ma è una torta che rifarei (e rifarò). Nonostante la sua consistenza sbriciolosa e la sua non-dolcezza ho veramente apprezzato il delicato sapore.

E poi l’ILLUMINAZIONE: Ravanella mi ha ricordato la mousse al cioccolato o cioccolato Chantilly e quindi il dolce s’è fatto da solo.

Ho tagliato la torta in cubetti, li ho inzuppati con un cucchiaino di rum e li ho accompagnati con un po’ di cioccolato.
Sono perfetti come pasticcini ma anche, inzuppandoli un po’ di più magari con uno sciroppo, come dolce al cucchiaio.
Il dolce poco dolce della torta è veramente perfetto con la dolcezza del rum e la cremosità del cioccolato.
Inutile dire che sono diventati la mia nuova droga 🙂

Però: nonostante la zozzaggine di questi pasticcetti ogni tanto mi passa la fame.
Da mercoledì a Moncalieri (provincia di Torino) ci sarà il circo Orfei. Non bisogna essere animalisti o vegani o vegetariani per boicottare il circo.
Finanziare un’attività così brutale, schiavista e violenta come il circo è veramente da psicopatici sadisti.
Il problema è che spesso chi ci va non sa qual è veramente il costo dello spettacolo. E soprattutto spesso ci si porta i bambini per far veder loro gli animali.
Esistono libri e documentari o al massimo (ma anche no) gli zoo. Ma davvero al circo?!
E poi: ci sono anche i coupon per entrare al circo spendendo meno. Mi viene proprio lo schifo e mi chiedo come facciano a non vergognarsi.
Comunque, oltre a evitare di andarci personalmente, si può diffondere il verbo, sicuramente ognuno di noi conosce qualcuno che va al circo. E’ arrivato il momento di fargli cambiare idea! 🙂
E se proprio ci si sente ben attivi beh le cose da fare sono tante, dai presidi al togliere sti manifesti rosa fluorescente del cavolo!!!!!

L’Olanda ha vietato l’uso di animali selvatici nei circhi da pochi giorni, sarebbe bello se ci unissimo anche noi.

Related Posts

4 Comments

  • Reply
    Felicia
    20 novembre 2012 at 6:35

    Ho provato la Chantilly di Ravanello e stavo proprio pensando di trasformarla in un dolcino simile!!!!! questi cubotti sono sicuramente (ne sono certa) golosissimi!!!! perfetti… adoro la torta che hai sfornato, mi piacciono i dolci che si sbriciolano, friabili…. con la chantilly sicuramente perfetta….. perfetta anche per il contest!!!! ti aspetto……http://ledeliziedifeli.wordpress.com/2012/11/11/felici-curiosi-il-contest/

    • Reply
      Cristina
      20 novembre 2012 at 11:56

      eheh lo so che va bene per il contest ma visto che non è tutta farina del mio sacco ho preferito non metterla 🙂
      però sto meditando su nuove ricette 😉

  • Reply
    Ale
    22 novembre 2012 at 23:20

    Golosissimi questi dolcini!!!
    E nessuna parola per quella tortura!

    • Reply
      Cristina
      23 novembre 2012 at 0:30

      questi dolcini sono favolosi. non bisogna farne tanti 🙂

    Leave a Reply